majeeko è la soluzione

Perché i siti falliscono?

È sempre molto facile parlare di ciò che va bene in un’attività, ma quando si tratta di prendere in considerazione gli aspetti negativi si dileguano tutti come fantasmi. Ed è proprio di questo che parleremo oggi. No, non di fantasmi, ma di siti web e degli errori più frequenti che bisogna assolutamente evitare.

Pur essendo il sito un vero e proprio bigliettino da visita, spesso si sente dire: “Sì, qualcosina non va, ma guarda com’è bello il mio sito!” oppure “Il mio sito va bene così. Punto” o peggio ancora “Non ho bisogno di consigli, c’è già chi se ne occupa“. Ecco, ci rivolgiamo soprattutto a queste persone, che come le tre scimmiette, non vedono, non sentono e non parlano. Sapete quali sono gli errori più comuni che portano il vostro sito al fallimento? Noi ve ne elenchiamo 6.

1. Sito non responsive

Ne abbiamo parlato più e più volte, un sito non responsive, e quindi non ottimizzato per tutti i device, non è buon bigliettino da visita. Il mobile oggi è tutto. È importante per le visite, per gli acquisti, ma anche per l’indicizzazione e l’usabilità dell’utente. Avere un sito non mobile friendly incide negativamente sulla vostra reputazione online. Tra i principali trend marketing del 2017 il mobile è visto più come un imperativo che come una tendenzaspecialmente se non si vuole incappare in brutte penalizzazioni da parte di Google. Ricordate che i visitatori sorvolano su molte imprecisioni, ma su un sito non ottimizzato per mobile proprio NO. 

2. Testi non persuasivi

Mediante il sito dovete parlare di voi, della vostra attività e dell’azienda, mettendo in risalto i punti di forza che vi contraddistinguono dai competitor. A poco servono gli infiniti elenchi puntati che non apportano alcun beneficio né informazioni. Avete bisogno delle parole giuste, delle keyword adatte e di testi che convincono a tornare o ad acquistare.
Presentate i vostri prodotti e servizi e valorizzate le vostre offerte, non solo con le immagini ma anche con le parole. Vendete abiti d’abbigliamento cuciti su misura? Avete solo prodotti Made in italy? Il vostro servizio è efficiente ma ha anche un prezzo competitivo sul mercato? Bene, scrivetelo e raccontatelo

3. Catalogo e-commerce poco ampio

Immaginate di entrare in un negozio con l’intento di comprare diversi prodotti, ma dopo aver fatto un giro tra gli scaffali, girate i tacchi e uscite a mani vuote. Ci tornereste ancora ad acquistare? Abbiamo dei dubbi.
Ecco, anche il vostro e-commerce può essere giudicato negativamente se presenta poca ampiezza di catalogo, poca scelta e varietà. Lo shop online deve poter soddisfare i gusti di molta più gente e soprattutto i gusti più differenti. Un solo prodotto per categoria è insufficiente per convincere un acquirente perché, come noi, preferisce sicuramente comprare da un sito e-commerce più fornito e con maggiore scelta.
Ovviamente anche un sito e-commerce troppo complesso e con troppi prodotti può portare il visitatore all’abbandono. Trovate il giusto equilibrio!

4. Sito non indicizzato

Mai sottovalutare la SEO! Un sito seo friendly vi garantisce la giusta visibilità e vi consente di raggiungere il vostro target di riferimento. Se non avete familiarità con le tecniche di ottimizzazione SEO dovete in qualche modo correre ai ripari. È un lavoro duro, ma qualcuno dovrà pur farlo perché da questo dipenderà la visibilità del vostro sito web sui motori di ricerca. Ricordate che se il vostro sito non compare nei primi risultati di Google, allora è come non esserci! Volete provare a indicizzare il vostro articolo con le keyword giuste? Approfondite l’argomento su questo nostro articolo

5. Immagini scadenti

Pur non essendo fotografi di professione, dovete comunque caricare sul sito solo immagini di alta qualità. Dimenticate le foto in miniatura o poco chiare che lasciano spazio (fin troppo!) all’immaginazione. L’utente che visita il vostro sito è attratto, nei primi 5 secondi, proprio dalle immagini. Per questo dovete utilizzare foto creative, originali e di impatto che mettono in evidenza quei particolari che non riuscireste a raccontare testualmente. Le immagini devono avere la giusta risoluzione, la giusta dimensione e il giusto peso affinché l’utente ne sia attratto. Questo discorso vale specialmente per i siti e-commerce. Troppo spesso si vedono shop online privi di foto o con immagini scadenti che mettono in dubbio anche l’acquirente più impulsivo e compulsivo. Mettetevi nei suoi panni! Vi fidereste mai di un sito e-commerce con foto per nulla identificative?

6. Sito non aggiornato

È probabilmente uno dei motivi principali di fallimento di un sito. Un sito web non aggiornato nei contenuti, nel catalogo dei prodotti e nelle informazioni, rischia di portare la vostra attività alla rovina. No, non stiamo esagerando.
È sempre bene aggiornate il sito periodicamente perché un sito abbandonato a se stesso è il peggior biglietto da visita per un cliente che potrebbe pensare che la vostra attività è ferma sul web come anche nella realtà. È davvero una cattiva pubblicità per voi e la vostra azienda.

 

Cosa vi consigliamo di fare? Ti provare il nostro servizio! Majeeko permette di creare in un click un sito web con i contenuti della Pagina Facebook di cui siete amministratori. Com’è il sito di Majeeko? Responsive, graficamente bello, migliorabile nel tempo, sempre aggiornato, seo friendly e professionale. Tutte le soluzioni ai vostri problemi in un click. Cosa volete di più, provarlo gratis? Certo, Majeeko offre anche questo. Provalo gratis!

Majeeko.com

Federica Epifani

Pugliese orgogliosa ma da tempo trapiantata a Roma. Dopo aver conseguito la laurea in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa ha trovato un faticoso equilibrio in questo nuovo contesto. Sorridente per natura, curiosa per vocazione. Copywriter & Social Media Manager alla ricerca della perfezione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>