jointStudio-blog

JoinT Studio: Design – Architettura – Prodotto

Firenze, cuore della Toscana, culla dei valori autentici della nostra civiltà e città promotrice d’arte, ad oggi tra le più belle d’Italia. Proprio qui ha sede JoinT Studio, il caso di successo del mese. 

In un centro dove innovazione e tradizione si fondono non possono che nascere grandi idee, un cocktail perfetto tra moderno e classicoPartendo da questa certezza Silvia Baracani e Stefano Bonifazi, due giovani architetti e designer laureati alla Facoltà di Architettura di Firenze e amici da 20 anni, hanno voluto creare nel 2014 lo studio di architettura multidisciplinare JoinT Studio.
Si tratta di uno studio di co-design dove poter collaborare con altri professionisti affini e con artigiani del territorio.

Joint Studio è uno studio di progettazione specializzato nella fornitura di allestimenti e arredi, su misura e in serie, nello sviluppo di prodotti per terzi, sistemi di illuminazione Led e ristrutturazioni intelligenti raccontano Silvia e Stefano.  

Tra coworking, studio di co-design e… Batcaverna

Inizialmente, come ogni attività in avvio, i due architetti realizzavano solo arredi e oggetti per la clientela, in particolare per spazi di coworking. Ma col tempo Silvia e Stefano hanno iniziato a sviluppare progetti di design anche per conto di terzi come società avviate e startup. 

Ciò che si può evincere dalla loro esperienza è che il luogo di lavoro influisce tantissimo nella buona riuscita di un progetto. I due infatti parallelamente allo studio che hanno creato gestiscono uno spazio di coworking a marchio Multiverso, dove convivono professionisti specializzati in diversi campi: comunicazione, counseling, design, formazione, ma include anche artigiani e artisti. Questa rete di coworking influenza tantissimo le esperienze lavorative e creative di chi vive questi spazi ed è capace di innescare sinergie positive. Realizziamo diverse mostre l’anno di artisti locali con i quali manteniamo un buon rapporto nel tempo perché siamo convinti che da cosa nasca cosa.

Ma il luogo dove le idee della Joint Studio prendono realmente forma è in via Porcellana 59r, uno spazio che i due definiscono così: “Via del Porcellana 59r a Firenze è uno studio multidisciplinare; è la nostra Batcaverna. Qui si svolgono workshop di artigiani locali e prendono forma gioielli e oggetti di moda fatti a mano. Si possono acquisire servizi di sviluppo prodotti, dal disegno alla produzione e si possono reperire consulenze sull’auto-imprenditorialità con il metodo del business model canvas o la business therapy”.

joint studio- illuminazione led
Realizzazione su misura di una cucina in collaborazione con Miam cucine. L’applique in krion è fresata e termoformata.

Plug&Stay Furniture

Il segreto della Joint Studio è la condivisione di idee creative e lo stretto rapporto con una rete di produttori. Grazie a queste collaborazioni i due designer hanno progettato e realizzato la linea di arredi Plug&Stay da montare esclusivamente a incastro che è in costante evoluzione. Plug&Stay è il primo passo nella costruzione di una filiera di produzione di oggetti dal basso realizzati in collaborazione con piccole realtà artigiane toscane e marchigiane.

Plug&Stay è il nostro sistema di mobili in legno tutti ad incastro – raccontano soddisfatti. –  “È la prima serie di mobili tagliati in lastra che non hanno bisogno di viti o colla perché studiati per essere montati in pochi minuti. Basta pensare che i tavoli sono composti da 9 pezzi e le lampade da soli 2 pezzi. Abbiamo anche studiato delle spine in plexiglass o in legno che servono da bloccaggio”. 

plug&stay Furniture
Lampada e mobili Plug&Stay. Mostra Source, self-made design Le Murate. Progetti Arte Contemporanea

Il vero punto di forza di JoinT Studio è di certo la collaborazione con le piccole imprese artigiane e la cultura locale che hanno permesso la buona riuscita del progetto. “La nostra idea è di mettere insieme le energie del territorio e fare il prodotto a partire dalle piccole imprese artigiane”.
Tutti i mobili Plug&Stay si possono consultare sulla pagina Plug&Stay Forniture del loro sito web. La pagina Store è invece dedicata all’intero catalogo comprensivo di tutti i progetti realizzati. Essendo prodotti artigianali e pezzi unici, l’acquisto è prevalentemente su ordinazione tramite il form di contatto interno ad ogni scheda prodotto.

Il sito di JoinT Studio è funzionale e non manca di nulla. Il menù di navigazione è ben studiato per offrire agli utenti tutte le informazioni necessarie sullo studio e sui prodotti.
Silvia e Stefano hanno creato il loro sito internet con la stessa velocità con cui è possibile montare i loro prodotti, cioè in pochissimi secondi. Il sito www.jointstudio.it
 è marchiato Majeeko e si crea e si aggiorna con i contenuti pubblicati sulla Pagina Facebook aziendale. “Non avevamo un sito web, ma gestivamo solo la nostra Pagina Facebook che utilizziamo quotidianamente. L’idea dell’aggiornamento simultaneo e di poter quindi gestire le due cose contemporaneamente ci è piaciuta ed è per questo che abbiamo scelto Majeeko”.

 

Provare Majeeko non costa nulla. Basta visitare il sito www.majeeko.com, cliccare su Accedi e sincronizzare la Pagina Facebook. Dal pannello Manager si personalizzano le grafiche, i colori e i caratteri del sito ed è possibile aggiungere le estensioni utili ad ogni business (e-commerce, catalogo virtuale, booking, newsletter).
Chiedi info nella chat del nostro sito e crea il tuo sito internet professionale.

Federica Epifani

Pugliese orgogliosa ma da tempo trapiantata a Roma. Dopo aver conseguito la laurea in Organizzazione e Marketing per la Comunicazione d'Impresa ha trovato un faticoso equilibrio in questo nuovo contesto. Sorridente per natura, curiosa per vocazione. Copywriter & Social Media Manager alla ricerca della perfezione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>